Il Territorio - Stintinoincoming

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Il Territorio

Il comune di Stintino si trova sull’omonima penisola, ultimo lembo di terra sarda che dalla piana della Nurra si protende verso l'isola dell'Asinara, situata a breve distanza. Quest'ultima ospita il Parco Nazionale dell'Asinara, istituito nel 1997, e per il quale Stintino rappresenta l'imbarco più prossimo.
La principale attrattiva turistica è la spiaggia de La Pelosa, collocata nell'estremo lembo nord-occidentale della Sardegna, ed affacciata sul Golfo dell'Asinara e sull'omonima isola; è contraddistinta da una sabbia bianca finissima e dal mare azzurro-turchese dal fondale molto basso. Immediatamente davanti ad una seconda più piccola spiaggia, chiamata La Pelosetta, si trovano l'isolotto, raggiungibile a piedi, della torre aragonese, costruita del 1578 e chiamata sempre Torre de La Pelosa, e l'Isola Piana, appartenente al comune di Porto Torres, così come l'isola maggiore. L’Isola Piana ospita una torre spagnola alta 18 metri chiamata Torre della Finanza, edificata nel XVI secolo e restaurata nel 1931. Quest’isola veniva utilizzata in passato come pascolo grazie alla transumanza effettuata su barche da pesca; apparteneva alla famiglia dei Berlinguer e venne ceduta allo stato alla condizione che fosse conservata allo stato naturale. Altre spiagge della costa orientale sono quelle de Le Saline, Il Gabbiano, L'Ancora, Ezzi Mannu, Pazzona e Punta Negra.
Il litorale verso il Mar di Sardegna viene chiamato mare di fuori, ed alterna scogliere e cale di sabbia e sassi al termine di piccole valli, come Biggiu Marinu (ovvero Bue marino, nome sardo della Foca monaca), conosciuta anche come Valle della Luna, Coscia di Donna e Cala del Vapore.
A circa 3 km dall'abitato si trova lo Stagno di Casaraccio, e a circa 15 km nel territorio di Sassari lo Stagno di Pilo; entrambi rappresentano importanti riserve riproduttive per l'avifauna.

Il territorio di Stintino sorprende per i forti contrasti. Alla multiforme e stupenda costa, si contrappone l'aspro e assolato paesaggio dell'interno dove la tipica vegetazione mediterranea è un invito irresistibile per rilassanti passeggiate. Altri elementi di attrazione sono le Torri Aragonesi edificate nell'interno del promontorio e gli stagni salmastri, che ospitano una fauna unica per genere.

 
 
Torna ai contenuti | Torna al menu
Contatori visite gratuiti